SCINTIGRAFIA OSSEA

 

Che cosa è la scintigrafia ossea?

E’ un esame che si propone di identificare varie lesioni ossee che possono essere presenti in più parti dello scheletro, documentandone , se presenti, il numero, la sede e l’estensione..

A tale fine, si utilizza un radiofarmaco del gruppo dei difosfonati, ad esempio il Tc99mMDP, che va a fissarsi nel tessuto osseo in proporzione al flusso di sangue ed alla produzione di osso nuovo (=attività osteoblastica).

 

Il Medico Nucleare valuta preventivamente a tutela del paziente la congruità  e l’appropriatezza  della richiesta in relazione ai dati clinici ed al quesito diagnostico proposto ( art.111 D.L.vo 230/ 95 ).

 

In che cosa consiste l’esame?

Il radiofarmaco viene somministrato per via endovenosa, e di norma non dà disturbi.

In alcune particolari situazioni, verrà eseguita una parte di esame aggiuntiva, durante l’iniezione  , mediante uno strumento esplorante (Gamma Camera) che le verrà accostato a quella parte di scheletro di cui si voglia studiare il flusso sanguigno: ciò richiederà 20-30 minuti.

L’esame vero e proprio viene effettuato almeno 2 ore e 30 minuti dopo la somministrazione: nel frattempo, se Lei è ambulatoriale (=esterno), potrà uscire in caso di necessità e svolgere qualunque genere di attività, compreso mangiare.

In questo intervallo dovrà bere mezzo litro di acqua e potrà orinare, ma dovrà fare attenzione a non macchiarsi con l’urina la pelle o gli indumenti.

Se portatore di catetere vescicale, ureterocutaneostomie, derivazioni vescicali o se incontinente, dovrà comunicarcelo: prima di iniziare l’esame dovrà orinare o viceversa vuotare i sacchetti di raccolta dell’urina o cambiare il pannolone assorbente nel bagno del nostro Servizio, al bisogno assistito dal nostro personale.

Per la buona riuscita dell’esame, dovrà togliere gli indumenti più ingombranti, eventuali protesi mammarie ed ortopediche rimuovibili od eventuali busti ortopedici, se possibile; dovrà inoltre togliere collane, spille, orecchini , orologi, od altri oggetti ingombranti come mazzi di chiavi, portafogli, ect.

Verrà disteso su un apposito lettino e lo strumento esplorante (Gamma Camera ), le passerà vicino molto lentamente, dai piedi alla testa, due volte, una da supino (=a pancia in su ), un’altra da prono (=a pancia in giù): se ha difficoltà a mantenere questa posizione, o se ha comunque problemi a stare a lungo disteso, ci avverta in modo da poter opportunamente modificare la procedura a seconda delle Sue esigenze.

Verranno inoltre eseguite immagini di dettaglio su varie parti dello scheletro, ad esempio il cranio, ed il Tecnico la inviterà ad avvicinarsi allo strumento con varie parti del corpo.

L’esame durerà globalmente circa 1 ora . 

Dovrà comunque attendere una decina di minuti perché le lastre siano sviluppate e si verifichi la buona qualità tecnica del Suo esame.

Se del caso, il Medico-Nucleare potrà richiedere immagini aggiuntive, o uno studio Spect, che consiste in una serie di immagini di sezioni del corpo simili alla Tac ottenute facendo lentamente girare per 360 gradi lo strumento intorno al Suo corpo: ciò richiederà circa 30 minuti.

L’esame è di semplice esecuzione, non doloroso, privo di rischi,  richiede solo di stare fermi il più possibile durante la sua esecuzione.

La invitiamo a lasciare il Servizio solo se preventivamente autorizzato/a dal personale medico-nucleare.

Al termine dell’indagine potrà riprendere tutte le comuni occupazioni.

Se vuoi stampare questa pagina